LIONS CLUB PORTOMAGGIORE SAN GIORGIO

DATI GENERALI DEL CLUB
Denominazione Club: L.C. Porto Maggiore San Giorgio
Numero di Matricola Sede centrale: 45796
Data di Omologazione: 14 febbraio 1986
Data di consegna Charter Night: 18 aprile 1986
Club Sponsor: L.C. Ferrara Estense
Gemellaggi Effettuati: Albinea "Ludovico Ariosto"
Club Sponsorizzati: L.C. Praga Strahov San Giorgio (122, CZ) - L.C. Bologna Felsina
SOCI FONDATORI
Luigi Argentini
Gianpaolo Bissi
Valerio Bolognesi
Lorenzo Bottoni
Maurizio Bruni
Vanni Bruni
Aurelio Carelli
Sanzio Casoni
Francesco Colombarini
Sergio Dal Tio
Mario Fabbri
Vincenzo Ferrari
Andrea Fiorini
Mario Alberto Formigoni
Giuseppe Franceschini
Giovanni Giacometti
Vincenzo Mazzini
Noris Migliari
Vittore Morelli
Remo Pasetti
Gianni Pocaterra
Giorgio Rubin
Giuseppe Sebastiani
Mauro Soavi
Ugo Sprocati
Stefano Tonegutti
Vito Vernotico
CONSIGLI DIRETTIVI
Anno Sociale: 2022-2023
GAT - Presidente: Mauro Tognon
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Stefano Castaldini
LCIF - Immediato Past Presidente: Gilberto Basaglia
Segretario: Lorenza Pocaterra
Tesoriere: Gilberto Basaglia
Cerimoniere: Enrico Guidi
GMT - Presidente Comitato Soci: Reinhold Gruber
Anno Sociale: 2021-2022
GAT - Presidente: Gilberto Basaglia
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Reinhold Gruber
LCIF - Immediato Past Presidente: Enrico Guidi
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Enrico Guidi
Cerimoniere: Lorenza Pocaterra
GMT - Presidente Comitato Soci: Paola Folli
GST - Presidente Comitato Service: Enrico Guidi
Coordinatore LCIF: Sandra Sangiorgi
Anno Sociale: 2020-2021
GAT - Presidente: Gilberto Basaglia
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Reinhold Gruber
LCIF - Immediato Past Presidente: Enrico Guidi
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Enrico Guidi
Cerimoniere: Paola Folli
GMT - Presidente Comitato Soci: Paola Folli
GST - Presidente Comitato Service: Enrico Guidi
Presidente Marketing e Comunicazione: Reinhold Gruber
Coordinatore LCIF: Sandra Sangiorgi
Anno Sociale: 2019-2020
GAT - Presidente: Gilberto Basaglia
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Reinhold Gruber
LCIF - Immediato Past Presidente: Enrico Guidi
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Enrico Guidi
Cerimoniere: Morena Menegatti
Consiglieri: Aurelio Carelli, Paola Folli, Amanda Luciani, Orio Malagoni, Lorenza Pocaterra, Mauro Tognon
Anno Sociale: 2018-2019
GAT - Presidente: Enrico Guidi
GLT - 1° Vice Presidente: Gilberto Basaglia
2° Vice Presidente: Michela Maestri
LCIF - Immediato Past Presidente: Reinhold Gruber
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Amanda Luciani
Consiglieri: Paolo Albanese, Paola Folli, Reinhold Gruber, Orio Malagoni, Morena Menegatti, Lorenza Pocaterra, Paolo Scaglianti, Mauro Tognon
Anno Sociale: 2017-2018
GAT - Presidente: Enrico Guidi
GLT - 1° Vice Presidente: Gilberto Basaglia
2° Vice Presidente: Michela Maestri
LCIF - Immediato Past Presidente: Reinhold Gruber
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Lorenza Pocaterra
Censore: Mauro Tognon
GMT - Presidente Comitato Soci: Roberto Bulzoni
Consiglieri: Paolo Albanese, Maurizio Bruni, Paolo Bruni, Armando Cervellati, Roberto Farina, Mauro Ferrari, Paola Folli, Amanda Luciani, Orio Malagoni, Morena Menegatti, Paolo Scaglianti, Enrico Trevisani
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2016-2017
GAT - Presidente: Reinhold Gruber
GLT - 1° Vice Presidente: Paolo Scaglianti
2° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
LCIF - Immediato Past Presidente: Paola Folli
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Gilberto Basaglia
Censore: Mauro Tognon
GMT - Presidente Comitato Soci: Enrico Guidi
Consiglieri: Paolo Albanese, Maurizio Bruni, Armando Cervellati, Roberto Farina, Mauro Ferrari, Paola Folli, Amanda Luciani, Michela Maestri, Orio Malagoni, Vittore Morelli
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2015-2016
GAT - Presidente: Paola Folli
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Reinhold Gruber
LCIF - Immediato Past Presidente: Paolo Bruni
Segretario: Sandra Sangiorgi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Aurelio Carelli
Censore: Mauro Tognon
GMT - Presidente Comitato Soci: Enrico Guidi
Consiglieri: Paolo Albanese, Maurizio Bruni, Armando Cervellati, Mauro Ferrari, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Vittore Morelli, Paolo Scaglianti
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2014-2015
GAT - Presidente: Paolo Bruni
GLT - 1° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
2° Vice Presidente: Paola Folli
LCIF - Immediato Past Presidente: Paolo Albanese
Segretario: Enrico Guidi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Gilberto Basaglia
Censore: Mauro Tognon
GMT - Presidente Comitato Soci: Maurizio Bruni
Consiglieri: Armando Cervellati, Mauro Ferrari, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Vittore Morelli, Paolo Scaglianti, Ugo Sprocati
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2013-2014
GAT - Presidente: Paolo Albanese
GLT - 1° Vice Presidente: Paolo Bruni
2° Vice Presidente: Alberto Vacchi
LCIF - Immediato Past Presidente: Paolo Scaglianti
Segretario: Alberto Vacchi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Gilberto Basaglia
Censore: Mauro Tognon
GMT - Presidente Comitato Soci: Paola Folli
Consiglieri: Mauro Ferrari, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Vittore Morelli
3° Vice Presidente: Gilberto Basaglia
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2012-2013
GAT - Presidente: Paolo Scaglianti
GLT - 1° Vice Presidente: Paolo Albanese
2° Vice Presidente: Paolo Bruni
LCIF - Immediato Past Presidente: Enrico Guidi
Segretario: Alberto Vacchi
Tesoriere: Aurelio Carelli
Cerimoniere: Gilberto Basaglia
Censore: Mauro Ferrari
GMT - Presidente Comitato Soci: Alberto Vacchi
Consiglieri: Roberto Bulzoni, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Frediana Malisardi, Vittore Morelli, Mauro Tognon
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2011-2012
GAT - Presidente: Enrico Guidi
GLT - 1° Vice Presidente: Frediana Malisardi
2° Vice Presidente: Roberto Bulzoni
LCIF - Immediato Past Presidente: Frediana Malisardi
Segretario: Filiberto Sabbioni
Tesoriere: Giuseppe De Baptistis
Cerimoniere: Gilberto Basaglia
Censore: Andrea Chiccoli
GMT - Presidente Comitato Soci: Roberto Farina
Consiglieri: Paolo Albanese, Mario Fabbri, Mauro Ferrari, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Vittore Morelli, Aurelio Nardini, Mauro Tognon, Alberto Vacchi
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2010-2011
GAT - Presidente: Frediana Malisardi
GLT - 1° Vice Presidente: Enrico Guidi
2° Vice Presidente: Mauro Tognon
LCIF - Immediato Past Presidente: Alberto Vacchi
Segretario: Filiberto Sabbioni
Tesoriere: Enrico Guidi
Cerimoniere: Mauro Ferrari
Censore: Andrea Chiccoli
GMT - Presidente Comitato Soci: Paolo Scaglianti
Consiglieri: Gilberto Basaglia, Carlo Bergamasco, Roberto Bulzoni, Mario Fabbri, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Vittore Morelli, Aurelio Nardini
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2009-2010
GAT - Presidente: Alberto Vacchi
GLT - 1° Vice Presidente: Frediana Malisardi
2° Vice Presidente: Mauro Tognon
LCIF - Immediato Past Presidente: Carlo Bergamasco
Segretario: Filiberto Sabbioni
Tesoriere: Enrico Guidi
Cerimoniere: Frediana Malisardi
Censore: Vittore Morelli
GMT - Presidente Comitato Soci: Enrico Trevisani
Consiglieri: Gilberto Basaglia, Carlo Bergamasco, Roberto Bulzoni, Andrea Chiccoli, Mario Fabbri, Mauro Ferrari, Paola Gavelli, Orio Malagoni, Aurelio Nardini
Revisore dei Conti: Angela Cenacchi
Anno Sociale: 2008-2009
GAT - Presidente: Carlo Bergamasco
GLT - 1° Vice Presidente: Alberto Vacchi
2° Vice Presidente: Frediana Malisardi
LCIF - Immediato Past Presidente: Mauro Ferrari
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Frediana Malisardi
Censore: Lidia Soavi
GMT - Presidente Comitato Soci: Angela Cenacchi
Consiglieri: Gilberto Basaglia, Roberto Bulzoni, Andrea Chiccoli, Mario Fabbri, Paola Gavelli, Enrico Guidi, Orio Malagoni, Mauro Tognon
Revisore dei Conti: Gilberto Basaglia
Anno Sociale: 2007-2008
GAT - Presidente: Mauro Ferrari
GLT - 1° Vice Presidente: Massimo Lupo
2° Vice Presidente: Carlo Bergamasco
LCIF - Immediato Past Presidente: Gilberto Basaglia
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Mario Fabbri
Censore: Roberto Bulzoni
GMT - Presidente Comitato Soci: Lidia Soavi
Consiglieri: Andrea Chiccoli, Aldo Gaibini, Enrico Guidi, Orio Malagoni, Frediana Malisardi, Mauro Tognon, Alberto Vacchi
Revisore dei Conti: Ermanno Masini
Anno Sociale: 2006-2007
GAT - Presidente: Gilberto Basaglia
LCIF - Immediato Past Presidente: Paolo Scaglianti
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Mario Fabbri
Censore: Roberto Bulzoni
Consiglieri: Carlo Bergamasco, Andrea Chiccoli, Orio Malagoni, Daniela Ruberti, Mauro Tognon, Enrico Trevisani
Revisore dei Conti: Ermanno Masini
Anno Sociale: 2005-2006
GAT - Presidente: Paolo Scaglianti
GLT - 1° Vice Presidente: Gilberto Basaglia
2° Vice Presidente: Mauro Ferrari
LCIF - Immediato Past Presidente: Angela Cenacchi
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Paola Folli
Censore: Mario Fabbri
Consiglieri: Andrea Chiccoli, Orio Malagoni, Mario Mariotti, Daniela Ruberti, Mauro Tognon, Enrico Trevisani
Revisore dei Conti: Ermanno Masini
Anno Sociale: 2004-2005
GAT - Presidente: Angela Cenacchi
GLT - 1° Vice Presidente: Paolo Bruni
2° Vice Presidente: Paolo Scaglianti
LCIF - Immediato Past Presidente: Mario Fabbri
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Viviana Ranieri Mangherini
Consiglieri: Andrea Chiccoli, Mario Fabbri, Mauro Ferrari, Orio Malagoni, Mario Mariotti, Ermanno Masini, Daniela Ruberti, Mauro Tognon
Revisore dei Conti: Gilberto Basaglia
Anno Sociale: 2003-2004
GAT - Presidente: Mario Fabbri
GLT - 1° Vice Presidente: Angela Cenacchi
2° Vice Presidente: Paolo Bruni
LCIF - Immediato Past Presidente: Orio Malagoni
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Vittore Morelli
Cerimoniere: Paola Folli
Censore: Vanni Bruni
GMT - Presidente Comitato Soci: Enrico Trevisani
Consiglieri: Gilberto Basaglia, Mauro Tognon, Daniela Ruberti, Mauro Ferrari, Ermanno Masini, Mario Mariotti, Aurelio Nardini, Aurelio Carelli, Armando Cervellati
Revisore dei Conti: Andrea Chiccoli
Anno Sociale: 2002-2003
GAT - Presidente: Orio Malagoni
GLT - 1° Vice Presidente: Mario Fabbri
2° Vice Presidente: Angela Cenacchi
LCIF - Immediato Past Presidente: Andrea Chiccoli
Segretario: Aurelio Nardini
Tesoriere: Susanna Trevisani
Cerimoniere: Paola Folli
Censore: Ugo Sprocati
GMT - Presidente Comitato Soci: Vanni Bruni
Consiglieri: Gilberto Basaglia, Mauro Tognon, Maurizia Seghi, Daniela Ruberti, Ermanno Masini, Mario Mariotti, Aurelio Nardini, Armando Cervellati, Enrico Trevisani
Revisore dei Conti: Attilio Piscopo
Anno Sociale: 2001-2002
GAT - Presidente: Andrea Chiccoli
GLT - 1° Vice Presidente: Orio Malagoni
2° Vice Presidente: Giacomo Bottoni
LCIF - Immediato Past Presidente: Aurelio Nardini
Segretario: Ugo Sprocati
Tesoriere: Susanna Trevisani
Cerimoniere: Paola Folli
Censore: Gilberto Basaglia
GMT - Presidente Comitato Soci: Dante Zoboli
Consiglieri: Mario Fabbri, Mario Mariotti, Ermanno Masini, Daniela Ruberti, Mauro Tognon, Vanni Bruni, Enrico Trevisani
Revisore dei Conti: Attilio Piscopo
Anno Sociale: 2000-2001
GAT - Presidente: Aurelio Nardini
GLT - 1° Vice Presidente: Giuseppe Pagliuso
2° Vice Presidente: Andrea Chiccoli
LCIF - Immediato Past Presidente: Gilberto Basaglia
Segretario: Ugo Sprocati
Tesoriere: Susanna Trevisani
Cerimoniere: Mario Fabbri
Censore: Orio Malagoni
GMT - Presidente Comitato Soci: Roberto Artioli
Consiglieri: Paolo Bruni, Mario Mariotti, Ermanno Masini, Daniela Ruberti, Mauro Tognon, Dante Zoboli, Vanni Bruni
Revisore dei Conti: Giovanni Rizzo
SERVICE PRINCIPALI
• Partecipazione alla 5° Sagra Tartufo service pro fondazione. • Raccolta fondi presso il Circolo dell’Olmo “Sfida della salama da sugo”. • Raccolta fondi per il service delle adozioni a distanza. • Continua il service Giardino per malati di Alzheimer.
• PREMI NATTA E COPERNICO (SERVICE ANNUALE): giunto alla 18a edizione è un’iniziativa nata da un’idea sviluppata all’interno del Club per promuovere la ricerca soprattutto in ambito giovanile in diverse discipline (con preminenza al campo biomedico e chimico). Grazie ad alcuni Soci del Club, inseriti all’interno del Comitato Scientifico del Premio, che con determinazione lo hanno promosso anno dopo anno, il Premio è divenuto ormai un’ importante vetrina per la città di Ferrara, quasi un unicum a livello nazionale. • ADOZIONI a DISTANZA (SERVICE ANNUALE) : anche questo è un Service permanente (come i Premi Natta Copernico) nel quale il Club è impegnato a reperire fondi per mantenere cinque adozioni a distanza tramite la Caritas di Ravenna. Lo sforzo è compensato dalle notizie che ci pervengono sul percorso di crescita di questi ragazzi. • Partecipazione alla giornata della Colletta Alimentare e donazione al Banco Alimentare. • Partecipazione al service di zona dedicato alla raccolta fondi per gli Ospedali del territorio a fronte dell’emergenza Covid. • Continua il service Giardino per malati di Alzheimer.
• Adozioni a distanza. • Donazione al Comitato “Premi Natta e Copernico”. • Materiale sanitario emergenza COVID. • LCIF service diabete. • Service Campoemilia. • Banco alimentare. • GIARDINO PER MALATI DI ALZHEIMER (SERVICE TRIENNALE INIZIATO NEL 2019 SEDE DI REALIZZAZIONE: Casa di residenza per Anziani Carlo Eppi – Via Edmondo De Amicis, 25 – 44015 Portomaggiore (FE) DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO: Nato da un’idea del Comitato Familiari della Casa di Residenza per Anziani Carlo Eppi, presuppone il recupero di uno spazio esterno interdetto, da diversi anni, ai residenti ospiti. La popolazione dei residenti della Carlo Eppi è costituita da 40 ospiti con una elevata presenza di problematiche cognitive e motorie. La disponibilità di uno spazio aperto per persone che sono costrette a scarsa mobilità risulta, pertanto, una risorsa fondamentale e irrinunciabile. È ormai riconosciuto come l’ambiente di vita dei malati di Alzheimer (e di altri tipi di demenza), debba essere rimodellato sulle loro esigenze; infatti, l’azione di cura e di tutela chiama in causa non soltanto le persone, ma anche gli spazi edilizi e urbani. SOGGETTI DESTINATARI: Il Giardino bioenergetico sarà prevalentemente dedicato alle persone ospiti della CRA Carlo Eppi e alle persone esterne con diagnosi di demenza di grado lieve/moderato o che denuncino un lieve decadimento cognitivo e ai loro “caregivers”. Inoltre potranno frequentarlo tutti coloro che, facendone richiesta, ne abbiano uno specifico interesse, anche volontariato e sostegno. OBIETTIVI SPECIFCI: Ridurre i problemi comportamentali e, in particolare: il disorientamento spazio temporale, i tentativi di fuga, il girovagare afinalistico e le reazioni catastrofiche; - Ridurre l'uso dei farmaci psicoattivi e riduzione dei costi derivati; - Sperimentare strategie alternative alla contenzione meccanica e spaziale; - Rallentare il declino delle capacità funzionali; - Stimolare le capacità cognitive e motorie; - Stimolare la memoria remota dei pazienti nei riguardi delle loro attività precedenti, come ad esempio coltivare l’orto, accudire i fiori, passeggiare nel giardino, ecc. - Compensare i deficit cognitivi e funzionali causati dalla demenza. COSTI PER LA REALIZZAZIONE DEL GIARDINO: Il costo complessivo sostenuto per la realizzazione è di 26.000 Euro. Il Giardino, inaugurato il 1 giugno 2019, è stato intitolato a Melvin Jones.
• 2018 • Lotta al cyberbullismo. • Acquisto defibrillatore per il comune di Portomaggiore. • Partecipazione alla raccolta fondi per l'Istituto scolastico "Città del Ragazzo". • Partecipazione alla raccolta fondi in occasione della Sagra dell'Ortica (LCIF). • Partecipazione alla raccolta fondi in occasione della Sagra del tartufo (LCIF). • Donazione a favore delle Associazioni Portuensi per il Natale. • Donazione al Comitato Olimpico Gambulaga. • REGATA VELICA: come tutti gli anni abbiamo partecipato a questa importante e bella manifestazione con il nostro contributo. • PREMI NATTA E COPERNICO: giunto alla 16a edizione è un'iniziativa nata da un'idea sviluppata all'interno del Club per promuovere la ricerca soprattutto in ambito giovanile in diverse discipline (con preminenza al campo biomedico e chimico). Grazie ad alcuni Soci del Club, inseriti all'interno del Comitato Scientifico del Premio, che con determinazione lo hanno promosso anno dopo anno, il Premio è divenuto ormai un'importante vetrina per la città di Ferrara, quasi un unicum a livello nazionale, e forse meriterebbe più attenzione da parte di tutto il movimento Lionistico distrettuale. • ADOZIONI a DISTANZA: anche questo è un Service permanente (come i Premi Natta Copernico) nel quale il Club è impegnato a reperire fondi per mantenere cinque adozioni a distanza tramite Caritas di Ravenna. Lo sforzo è compensato dalle notizie che ci pervengono sul percorso di crescita di questi ragazzi. • POSTER DELLA PACE: anche questo è un Service ormai consolidato nel Club che con le Scuole Primarie di Secondo Grado dei comprensori di Portomaggiore e Voghiera vanta una partecipazione continua che negli anni ha portato a diverse vittorie in ambito distrettuale. • WEEK END DELLA PACE: nato da un'idea del Club Ferrara Estense ha avuto fin dal primo anno l'adesione e il contributo del nostro Club che anche quest'anno parteciperà alla serie di eventi che contraddistinguono questa meritoria iniziativa. • LIONS DAY: il Club tutti gli anni organizza in occasione del Lion Day un'iniziativa rivolta alla cittadinanza di Portomaggiore radunando diversi professionisti in campo medico (ottico, nutrizionista, cardiologo, odontoiatra etc.) che visitano e danno consigli gratuitamente. • GIARDINO PER MALATI Dl ALZHEIMER INTITOLATO A MELVIN JONES: in ultimo il Service territoriale e sicuramente il più impegnativo per la sua realizzazione che di seguito illustro nel dettaglio. SEDE Dl REALIZZAZIONE Casa di residenza per Anziani Carlo Eppi a Portomaggiore. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO Nato da un'idea del Comitato Familiari della Casa di Residenza per Anziani Carlo Eppi, presuppone il recupero di uno spazio esterno di competenza della CRA, ma interdetto, da diversi anni, ai residenti ospiti. La popolazione dei residenti della Carlo Eppi è costituita da 40 ospiti con una elevata presenza di problematiche cognitive e motorie. La disponibilità di uno spazio aperto per persone che sono costrette a scarsa mobilità risulta, pertanto, una risorsa fondamentale e irrinunciabile. Le strutture per anziani dovrebbero proporsi come luogo di vita, in cui realizzare un progetto assistenziale in grado di dare all'ospite e ai suoi familiari l'opportunità di godere ancora in libertà di spazi aperti, dove il movimento è senza limiti e pericoli, e dove è possibile ripristinare un contatto con la natura e i suoi bioritmi. La condizione delle persone anziane fragili, affette da sindrome di Alzheimer o da altre limitazioni cognitive e motorie, ossia la qualità della loro esistenza e di tutto quanto concorre a garantirla nelle diverse fasi della malattia, è una cartina di tornasole che esprime il livello di civiltà di una comunità e di un intero Paese. 9 È ormai riconosciuto come l'ambiente di vita dei malati di Alzheimer (e di altri tipi di demenza), debba essere rimodellato sulle loro esigenze; infatti, l'azione di cura e di tutela chiama in causa non soltanto le persone, ma anche gli spazi edilizi e urbani. Le ricerche condotte in ambito internazionale relativamente alla materia hanno dimostrato come lo spazio fisico possa assumere un valore terapeutico, svolgendo nei confronti dell'anziano una funzione "protesica": la progettazione dell'ambiente, quindi, diventa parte integrante dell'approccio globale alla cura e all'assistenza delle persone fragili. La qualità funzionale ed estetica degli spazi ad hoc, sia chiusi che aperti, ha un ruolo determinante, non soltanto perché supporta lo sviluppo dei programmi terapeutici, ma perché richiama costantemente il valore e l'inviolabilità di ogni persona, riconoscendo la sua dignità insieme con chi se ne prende cura. Un aspetto, quest'ultimo, da non trascurare, perché lavorare in ambienti funzionali, confortevoli e ricchi di valenze anche estetiche, contribuisce a non sperperare energie psico-fisiche e a mantenere la propria motivazione, e, di conseguenza, aiuta e rassicura i pazienti e loro familiari. È importante che la progettazione o riprogettazione degli spazi contribuisca a ridurre e contenere fonti di stress, a compensare la difficoltà ad orientarsi nel tempo e nello spazio, a rallentare l'inevitabile declino delle capacità cognitive e funzionali, a ridurre l'uso dei farmaci, a stimolare le abilità residue, superando la visione che fino a poco tempo fa ha giustificato la contenzione fisica. ELEMENTI ESSENZIALI Dl INNOVAZIONE RISPETTO ALL'OFFERTA DE SERVIZI PRESENTI NEL TERRITORIO Dl RIFERIMENTO Nella nostra struttura è già sensibile la presenza di anziani con importanti limitazioni cognitive; al contempo sul territorio il numero di famiglie che registrano presenze di persone affette da Alzheimer o altre patologie cognitive risulta in progressivo aumento; in molti casi si tratta di situazioni per ora ancora domiciliate. Sarebbe, pertanto, importante poter potenziare la disponibilità sul territorio di spazi e iniziative utili ad alleviare sia le persone dirette interessate sia le famiglie. La letteratura medica e studi scientifici sull'Alzheimer, hanno evidenziato che il camminamento in un percorso circolare diminuisce o addirittura annulla lo stato di sofferenza, determinata dall'ansia provocata dalla mancanza di punti di riferimento, che paralizza e terrorizza le persone sofferenti; così, seguendo tali indicazioni, elemento centrale del giardino sarà un percorso ad anello che dalla struttura, seguendo il perimetro del giardino stesso, riporta l'anziano nuovamente alla struttura, in modo tale da garantire uno spazio sicuro per la deambulazione supportata dal corrimano, predisposto ai lati del percorso limitrofo alla zona degradante. La vegetazione, in effetti, rappresenta una delle componenti principali del giardino, perché diventa uno strumento terapeutico, in quanto, stimolando i sensi dell'anziano, ne permette di contenere la riduzione delle capacità percettive particolarmente accentuata nei malati di Alzheimer; il verde, quindi, è realizzato secondo uno "zoning" che prevede la stimolazione dei cinque sensi. li colore, come detto, viene utilizzato anche per orientare lungo il percorso, per cui si sceglieranno piante con fiori dai colori molto forti, disposte in gruppi monospecifici, localizzate in punti strategici del percorso, accentuandone talora gli effetti di colore, talora il profumo ed infine, la loro valenza tattile. li percorso, così, proporrebbe alcune aree tematiche: "lo spazio del colore", "lo spazio del tatto", "lo spazio dell'olfatto". La vegetazione, nel suo insieme, evoca, inoltre, il trascorrere del tempo con l'alternarsi delle stagioni, fornendo un efficace supporto al ridotto senso di orientamento temporale degli anziani. ln una zona del giardino s'intende focalizzare l'attenzione degli anziani su un tema naturalistico: l'acqua e gli odori. Una fontana, infatti, attira l'attenzione con il movimento dell'acqua che scorre favorendo anche l'osservazione e scuotendo l'apatia che spesso emerge negli ospiti, e, nello stesso tempo, il rumore dell'acqua sollecita l'udito, insieme al fruscio delle foglie e al cinguettio degli uccelli. Per quanto riguarda, invece, la stimolazione olfattiva, oltre a dare la prevalenza in tutto il giardino a piante e fiori profumati, che rendono più rilassante e stimolante l'ambiente, a ridosso di una delle aree di sosta si creerà un'aiuola di piante aromatiche (lavanda, timo, salvia, menta etc.), che gli anziani potranno facilmente manipolare. ln un'altra parte del giardino, nelle superfici a terreno nudo, si collocheranno alcune piante da frutto, ad altezza e produzione radicale ridotte, accessibili agli anziani, al fine di fornire un ulteriore stimolo percettivo, oltre che visivo, olfattivo e tattile, nella cura e nella raccolta dei frutti: ciò renderebbe l'anziano protagonista del suo ambiente. SOGGETTI DESTINATARI: obiettivi e modalità di presa in carico dei potenziali destinatari li Giardino bioenergetico sarà prevalentemente dedicato alle persone ospiti della CRA Carlo Eppi e alle persone esterne con diagnosi di demenza di grado lieve/moderato o che denuncino un lieve decadimento 10 cognitivo e ai loro "caregivers". Inoltre potranno frequentarlo tutti coloro che, facendone richiesta, ne abbiano uno specifico interesse, anche volontariato e sostegno. Per frequentare il Giardino occorre essere in possesso di personale copertura assicurativa o essere soci di APS o altre Associazioni. Sarà predisposto un Regolamento specifico per l'acceso e l'uso del Giardino che contenga giornate e orario, regole per usufruire dei servizi della CRA, regole di comportamento nell'uso del Giardino, indicazioni su come muoversi nello spazio. OBIETTIVI SPECIFCI - Ridurre i problemi comportamentali e, in particolare: il disorientamento spazio temporale, i tentativi di fuga, il girovagare afinalistico e le reazioni catastrofiche; - Ridurre l'uso dei farmaci psicoattivi e riduzione dei costi derivati; - Sperimentare strategie alternative alla contenzione meccanica e spaziale; - Rallentare il declino delle capacità funzionali; - Stimolare le capacità cognitive e motorie; - Stimolare la memoria remota dei pazienti nei riguardi delle loro attività precedenti, come ad esempio coltivare l'orto, accudire i fiori, passeggiare nel giardino, ecc. - Compensare i deficit cognitivi e funzionali causati dalla demenza. DESCRIZIONE DEL GIARDINO Lo spazio di cui la Carlo Eppi dispone è di estensione relativamente limitata (260 mq), ed è composto da una area centrale (117 mq), in cemento, che costituisce il solaio di camere sottostanti, in cui sono collocate le vasche idriche antincendio della Casa della Salute e da strisce di terreno che circondano l'area centrale. lo spazio interessato, nella fase di costruzione della casa di residenza era stato già indicato come orto giardino: limitrofo al salone dove solitamente si riuniscono i Residenti, facilmente accessibile e sorvegliabile, ben esposto e di ampiezza adeguata per lo svolgimento di attività all'aria aperta. li giardino Alzheimer che stiamo proponendo è direttamente accessibile dalla porta della sala di animazione, tramite un percorso atto a creare una continuità tra interno ed esterno, che non genera disorientamento: interamente circondato da una recinzione, mimetizzata dalla siepe, in modo tale da non dare un effetto di chiusura, permetterebbe a tutti gli ospiti di muoversi in sicurezza, consentendone l'accesso, tramite un cancello controllato, anche a fragilità esterne, e impedendo allo stesso tempo l'ingresso a persone non autorizzate. Il progetto è orientato alla realizzazione di un giardino "bioenergetico accessibile", creato sulla base delle esigenze degli ospiti della casa protetta, con una particolare attenzione verso i malati di Alzheimer e demenza senile. Lo spazio verde esterno è stato studiato facendo ricorso alle indicazioni derivate dall'applicazione dell'innovativa tecnica del "Bioenergetic Landscapes"; questa consente di eseguire speciali misurazioni bioelettromagnetiche dello spazio a disposizione, al fine di scegliere e collocare le piante più idonee per ricreare aree dedicate alla sosta o al relax di particolare beneficio per l'organismo. Buona parte della superficie dell'area del giardino si sviluppa al di sopra di un vano tecnico interrato. Questo impone la necessità di operare su questa superficie - pavimentata e ispezionabile - con la posa di piante in vaso. Alcune di queste sono piccoli alberi con portamento arbustivo, come il melograno, il corbezzolo, l'agrifoglio e l'osmanto. Tre di queste piante svolgono anche funzione bioenergetica, offrendo i loro benefici bioelettromagnetici alle persone che sosteranno all'interno del gazebo quadrato. Entrambi i gazebi in legno sono arricchiti da piante rampicanti in vaso, come il glicine, la bignonia e la rosa banksiae sempreverde, mentre ai lati di quello quadrato ci sono anche vasi con piante decorative principalmente da fiore, con fioriture primaverili ed estive. La fascia di terreno perimetrale, a forma di elle, viene portata parallelamente alla recinzione a livello della piattaforma pavimentata per una profondità di un paio di metri. Sul lato di terreno adiacente l'edificio vengono messe a dimora piante che offrono uno sfondo decorativo: rampicanti come il glicine e il falso gelsomino, arbusti fioriti come la lagestroemia, la spirea bumalda, la buddleia nana, l'oleandro, il lillà; davanti ad esse piante con portamento più basso, ma anche idonee ad essere sfiorate per donare una stimolazione sensoriale, come piante aromatiche, morbide graminacee, profumati pittosfori e abelie dalle lunghe fioriture. ln angolo, dietro alla panchina, troviamo un albero di melograno, un melo da fiore e una siepe di lavanda e iperico, che lambisce in fondo un piccolo gioco d'acqua ricadente da un rilievo in terra e sassi con piante da fiore e da giardino roccioso. 11 Verso la recinzione, la striscia di terreno livellato viene delimitata da un corrimano in legno, oltre il quale si trova una lunga siepe di rose arbustive rifiorenti principalmente bianche. La siepe attuale contro la recinzione viene intervallata da tre alberelli di lagestroemia indica, mentre attorno al cancelletto di accesso si realizza un arco di rose rampicanti rosse. La piccola rampa di accesso è affiancata da lavande. Nella zona di terreno incuneata con l'edificio si cerca di evitare l'accesso dei degenti, con una fitta piantumazione di rose rifiorenti e di un grosso cespuglio di osmanto sempreverde e profumato. Se si riterrà opportuno per la gestione, si propone anche la messa in opera estiva di vasi con piante ricadenti dal terrazzo del primo piano (gerani edera e petunie ricadenti), in modo da offrire una cornice più naturale e avvolgente possibile. COSTI PER LA REALIZZAZIONE DEL GIARDINO li costo complessivo per la realizzazione e di € 28.000. Il Lions Club Portomaggiore San Giorgio sarà promotore della raccolta fondi per la realizzazione del GIARDINO. Il Giardino una volta realizzato sarà intitolato a Melvin Jones.
• Donazione all'Istituto scolastico Città del Ragazzo di Ferrara. • Donazione all'Associazione Domiciliare Oncologica di Ferrara (A.D.O.). • Donazione per il progetto del giardino terapeutico presso l'Hospice di Codigoro. • Contributo al Premio Natta Copernico. • Contributo per Emergenza Terremoto. • Adozioni a distanza attraverso Caritas di Ravenna. • Donazione all'Associazione Malati Alzheimer (A.M.A.). • Donazione all'A.l.L.. • Premio alla vincitrice del concorso "UN POSTER PER LA PACE". • Contributo per l’impresa sportiva di Ilaria Corli. • Contributo Congresso LEO. • Donazione al Comune di Portomaggiore di una giostra per bambini disabili. • Contributo per la lotta al morbillo. • Donazione di una lavagna Interattiva Multimediale alla scuola di Voghiera.
• ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO E SOLIDARIETA' UMANA GIULIA. Progetti di psiconcologia pediatrica, finalizzati a fornire un supporto psicologico ai bambini ed alle loro famiglie nel difficile cammino della malattia; da quest'anno parte anche un progetto finalizzato a fornire assistenza psico-oncologica ai bambini sani ma figli di genitori malati. Nel 2009, inoltre, è nata l'Associazione Giulia Ricerca che, in collaborazione con le strutture sanitarie e universitarie, ha lo scopo di sostenere progetti di ricerca e formazione diretti a medici, infermieri e psicologi in oncologia e psico-oncologia pediatrica. E’ stato realizzato in collaborazione con il Lions Club Ferrara Europa Poggio Renatico e con il supporto dei Club della Circoscrizione nell'ambito dell'evento denominato “LOVEBIKE” - un traguardo di solidarietà – che si è tenuto a Ferrara, nel corso del quale verranno organizzati un cicloraduno ed una pedalata per le vie della città di Ferrara, con una quota di partecipazione il cui ricavato è stato interamente devoluto all'associazione Giulia per contribuire ai progetti di assistenza psico-oncologia ai bambini affetti da patologie tumorali ed alle loro famiglie. • ADOZIONI A DISTANZA CON L'ASSOCIAZIONE CARITAS. Dall'anno scorso sono ben 5 i bambini adottati a distanza. • PREMI “GIULIO NATTA E NICOLO' COPERNICO”. Ottava edizione, per la ricerca scientifica e l'innovazione tecnologica. • CONCORSO “UN POSTER PER LA PACE” con la partecipazione delle scuole medie statali “G. Falcone – P. Borsellino” di Portomaggiore, Voghiera e “Dante Alighieri” di Masi Torello. • “PORTOMAGGIORE, VISTO DAI RAGAZZI”. Contributo alla realizzazione del libro redatto dai bambini della scuola primaria “M. Montessori” di Portomaggiore, in occasione del decennale della nascita dei Consigli Comunali delle Ragazze e dei Ragazzi. • TOGO contributo alla realizzazione del service del Distretto. • DISLESSIA “LA SCUOLA FA BENE A TUTTI”. Contributo alla realizzazione del service ideato dai Lions Club della XI zona.
• Restauro conservativo del Santuario della Madonna dell’Olmo – Portomaggiore. • Spettacolo di Varietà per raccolta fondi a favore di “Voghiera Soccorso” per l’acquisto di un’auto per utenza deboli.
• Restauro conservativo del Santuario della Madonna dell’Olmo in Portomaggiore – Service triennale. • Contributi a SO.SAN, Associazione Polifonica “IL NUOVO ECHO” di Portomaggiore e UNITALSI sezione di Portomaggiore.
• Service per il restauro del Santuario della Madonna dell’Olmo a Portomaggiore. • Premio “Giulio Natta e Nicolò Copernico”.
PUBBLICAZIONI PRESENTI IN ARCHIVIO
STATUTI
BILANCI SOCIALI
Your browser does not support SVG
LIONS CLUB LA SPEZIA
LIONS CLUB PARMA
LIONS CLUB REGGIO EMILIA
LIONS CLUB MODENA
LIONS CLUB BOLOGNA
LIONS CLUB FERRARA E ROVIGO
LEO CLUB